> E' crisi nera! Oltre 4 milioni di persone "assolutamente povere" nel 2013! >

venerdì 22 marzo 2013

E' crisi nera! Oltre 4 milioni di persone "assolutamente povere" nel 2013!







E' crisi nera! Oltre 4 milioni di persone "assolutamente povere" nel 2013, negli ultimi 5 anni stiamo viaggiando a una media di 615 nuovi poveri ogni giorno ... questi sono solo alcuni dei dati agghiaccianti forniti nel rapporto di Confcommercio, sulla situazione Italiana, e per questo non dobbiamo far altro che ringraziare chi oggi parla di "prendersi le proprie responsabilità" , quando invece per anni e anni ha pensato solo a riempire le proprie tasche e a ripulire le proprie fedine penali (un ringraziamento speciale va anche ai tanti Italiani che da decenni votano questi personaggi impresentabili)!


Secondo Confcommercio il numero di persone "assolutamente povere" quest'anno in Italia salirà oltre quota 4 milioni. Alla fine del 2013 verrà ampiamente superata la soglia di 3,5 milioni certificata ufficialmente dall'Istat per il 2011, pari a oltre il 6% della popolazione. Nel 2006 l'incidenza era ferma al 3,9%. Il dato, con una previsione massima di 4,2 milioni di poveri totali, è contenuto nel Misery index Confcommercio (MiC), il nuovo indicatore macroeconomico mensile di disagio sociale (..) l'Italia in cinque anni ha prodotto circa 615 nuovi poveri al giorno, con quest'area di disagio grave che è destinata a crescere ancora, e di molto".

(..) Sul fronte macroeconomico, l'Associazione dei commercianti stima che la flessione dei consumi privati sarà del 2,4% nel 2013, mentre il prossimo anno le spese dovrebbero aumentare dello 0,3%. La stima precedente dell'associazione era di una contrazione dei consumi dello 0,9% per l'anno in corso. Alla fine del 2014, rispetto al 2007, la perdita dei consumi reali avrà raggiunto 1.700 euro a testa (..) per il 2013 si prevede un calo del Pil dell'1,7% contro un ribasso dello 0,8% indicato cinque mesi fa.

(..) le previsioni economiche lascia "stimare una perdita netta di altre 90mila imprese del terziario di mercato nel complesso del biennio 2013-2014".

(..) Confcommercio sfata infine il "falso" mito degli italiani come popolo di fannulloni. Le analisi parlano chiaro: sia nel caso dei lavoratori dipendenti sia in quello di professionisti e autonomi, nel 2011 hanno lavorato in media 1.774 ore ciascuno. Vale a dire il 20% in più dei francesi e il 26% in più dei tedeschi (Repubblica)




 

Nessun commento:

>