> Quando la Lega Nord diceva, "mai più con Berlusconi"! >

martedì 8 gennaio 2013

Quando la Lega Nord diceva, "mai più con Berlusconi"!




Se qualcuno c'era cascato, dovrà ricredersi! Perchè se Berlusconi ha il vizietto di fare dichiarazioni per poi puntualmente smentirle, i signori leghisti non sono da meno! La manfrina di insultarsi era chiaramente solo una strategia momentanea per sopravvivere agli scandali (inchieste) vari in cui sono finiti Lega-Bossi-Belsito ecc ecc ... loro dimenticano in fretta, noi no! Ecco cosa dicevano i leghisti su Berlusconi fino a poche settimane fa!


"Berlusconi in questo momento ha paura, è una mezza calzetta. C’è tutto il paese che vuole strozzare Monti e Berlusconi ha paura di mandarlo via" . Umberto Bossi attacca Berlusconi. (26 gennaio 2012).

"Se Berlusconi ora appoggia Monti poi quando si andrà alle elezioni non può chiedere alla Lega di fare accordi perché qualche problema c’è". Roberto Maroni a Le Invasioni Barbariche, (27 gennaio 2012).

"Sul voto ragiona come Mussolini". Umberto Bossi a Monza per una fiaccolata contro il governo attacca l'ex premier. (3 marzo 2012).

"Stanno riempiendo il Nord di mafiosi in soggiorno obbligato, prima o poi qualcuno si decide a impiccarli sulla pubblica piazza. Hanno mandato a Padova il figlio di un mafioso siciliano; come i miei figli sono leghisti, i figli dei mafiosi ... Berlusconi e Monti? Uno gratta e l'altro tiene il palo". Umberto Bossi, (5 marzo 2012).

"Ammiro Berlusconi e lo rispetto, ma con il sostegno dato al governo è  finito un ciclo politico. Berlusconi è una persona che ammiro, anzitutto perché è presidente del Milan di cui sono tifosissimo, e perché ha sempre dato sostegno alle mie richieste, ma la sua decisione di schierarsi con il governo ha sancito la fine di un ciclo". Roberto Maroni, (12 marzo 2012).

"Berlusconi ha già dato, si preoccupi di tenere Thiago Silva a Ibrahimovic al Milan, perché ha l’età per dedicarsi ad altro e non più alla politica". Matteo Salvini (12 luglio 2012).

"Berlusconi mi pare un ritorno al passato, non so quanto possa essere vincente, credo che il Pdl abbia davvero persone nuove e capaci, stimate. Visto che il Cavaliere è pratico di sondaggi dovrebbe capire che in realtà la gente vuole il cambiamento". Flavio Tosi, (12 luglio 2012).

"Silvio politicamente è finito". Umberto Bossi, (30 luglio 2012).

"Secondo Libero la grande ammucchiata Bersani-Vendola-Casini farà tornare la Lega alleata di Berlusconi. Ma chi l’ha detto? Ma chi lo vuole?". Roberto Maroni su Facebook, (2 agosto 2012).

"E’ una cosa che mi pare di aver già visto qualche anno fa: un deja’ vu: noi siamo per il cambiamento, per il nuovo e guardiamo al futuro. Il futuro è ‘Prima il nord’, una Lega forza egemone che aggrega forze e non è aggregata". Roberto Maroni, (28 agosto 2012).

"Non cedere niente delle nostre idee sul piano delle alleanze romane: basta, capitolo chiuso. Berlusconi è un amico, ma oggi dopo quello che è successo, l’appoggio del Pdl al governo Monti, ha senso che parliamo di una possibile alleanza? Io dico di no, la Lega si allea con la Lega, con i cittadini del nord". Roberto Maroni alla Berghem Fest, (1 settembre 2012).

"O il Pdl stacca la spina e ritorna a fare e dire quello che aveva detto nel governo precedente quando eravamo alleati o non c’è possibilità di allearsi". Roberto Maroni, (4 ottobre 2012).

"Avendolo sentito nei giorni scorsi, non avevo dubbi che avrebbe mantenuto l’impegno preso". Roberto Maroni sulla promessa di Berlusconi di fare le primarie del Pdl, (27 ottobre 2012).

"L’alleanza con il Pdl? La Lega ha la sua posizione, è pronta e organizzata per andare da sola. Il Pdl ha deciso di appoggiare il governo Monti, noi siamo stati contro dall’inizio. E restiamo coerenti non come quelli che a Roma votano le misure di Monti e poi, quando vengono sul territorio, se ne dimenticano…. Maroni è candidato presidente della Lombardia con il nostro programma. Penso che la gente lo voterà e che potrà vincere anche da solo". Roberto Cota, (15 novembre 2012).

"Berlusconi oggi decide una cosa e domani chissà. Lo guardo con molto distacco, noi dobbiamo giocare qui la nostra battaglia". Roberto Maroni (6 dicembre 2012).

"Non ci alleiamo con Berlusconi. Se c’è una parte di centrodestra che si vuole evolvere è benvenuta a dialogare ma alle condizioni della Lega". Matteo Salvini, (6 dicembre 2012).

"La presenza di Berlusconi non aiuta a parlare di programmi e proposte concrete, speriamo in un centrodestra nuovo e pulito. La Lega non ha dubbi né tempo da perdere: il candidato in Lombardia è Maroni, per lui tante adesioni da destra e sinistra. Cosa succederà a Roma ci interessa poco" . Mattero Salvini, (9 dicembre 2012).

"La minaccia di far cadere le giunte di Veneto e Piemonte? Una barzelletta. Possibile sostegno della Lega a Monti. Idem. Ma chi è questo B?". Roberto Maroni su Facebook, (12 dicembre 2012).

"Con Berlusconi in campo non è possibile alcun accordo. Con lui si parlerebbe solo di bunga bunga". Matteo Salvini, (6 gennaio 2013).




Frasi varie da FattoQuotidiano.it , Lettera43.it , Messaggero.it , Corriere.it , Repubblica.it




 

2 commenti:

>