> Finmeccanica a nostra insaputa ... >

mercoledì 24 ottobre 2012

Finmeccanica a nostra insaputa ...



Poche righe su quel giro di miliardi in cui è incappato, a sua insaputa (nostra in realtà, visto che siamo noi che paghiamo), l'ex ministro Claudio Scajola e Finmeccanica ... tanto per rendere meglio l'idea!

(da Piovono Rane di Alessandro Gilioli)

«ogni anno circa un terzo dei fondi per nuovi armamenti arrivano dalle casse dallo Sviluppo Economico e servono per sovvenzionare prototipi o l’acquisto di strumenti bellici, secondo l’antica teoria che vede la ricerca militare come propulsore della crescita economica. In Italia questa equazione si è trasformata in una pioggia di denaro per Finmeccanica senza gare di appalto né possibilità di verifica sui costi reali delle forniture. Nel 2008, con l’arrivo di Scajola, c’è stato poi il boom: ben 2037 milioni. In quest’annata ricca, il dicastero ha finanziato aerei per un miliardo, navi per 461 milioni e mezzi terrestri per 404 milioni. Ma il record viene toccato nel 2010, l’ultimo bilancio impostato da Scajola prima delle dimissioni: il suo ministero investe 2 miliardi e 267 milioni in programmi bellici (...) Tutti guardano al cielo, ai voli del supercaccia F-35 ma il programma più costoso della Difesa italiana è un altro: si chiama Forza Nec e si prevede che farà spendere ai cittadini ben 22 miliardi di euro nei prossimi venti anni (...) dentro il concetto di Nec (ossia network enabled capability) si sono infilati fucili d’assalto e software, mezzi blindati e apparati spaziali. Con due caratteristiche: i contratti fanno tutti capo a Selex, l’azienda elettronica di Finmeccanica, e a pagare non è la Difesa ma, appunto, il Ministero dello Sviluppo Economico».




 

2 commenti:

>