> Verità e Giustizia per Francesco Mastrogiovanni >

mercoledì 26 settembre 2012

Verità e Giustizia per Francesco Mastrogiovanni




Ho ricevuto una segnalazione per questa assurda vicenda in cui ha perso la vita un uomo di 53 annni, Francesco Mastrogiovanni, trovato legato ad un letto, polsi e caviglie per 82 ore dopo un' ordinanza di 'Trattamento sanitario obbligatorio' ... riporto dal sito Globalist una ricostruzione della vicenda e un video che ripropone le immagini strazianti di quella morte ...

di Cinzia Gubbini

Sta per concludersi il porcesso per la morte di Francesco Mastrogiovanni, il maestro 53enne di Vallo della Lucania, morto il 4 agosto 2009 nel reparto psichiatrico dell'ospedale "San Luca" dopo essere stato legato al letto per 82 ore. Il 30 ottobre è calendarizzata la data della sentenza che - salvo rinvii - dovrà decidere della sorte giudiziaria dei 6 medici e dei 12 infermieri imputati nel procedimento.

Oggi la nipote Grazia Serra che insieme al Comitato "Verità e Giustizia per Francesco" si batte da quattro anni ha convocato una conferenza stampa al Senato insieme all'associazione A Buon Diritto e a Il Detenuto Ignoto. Lo spunto, l'annuncio che da venerdì su espresso.it andrà in onda il video integrale dell'agonia di Mastrogiovanni. Un documento choc di cui è stata proiettata una sintesi stamattina (guarda). Si vede il maestro, trasportato in ospedale per un Tso, inizialmente molto tranquillo, tanto da farsi fare una iniezione di medicinali. Dopo aver mangiato si addormenta. E durante il sonno viene legato mani e piedi al letto. Seguono 82 ore terribili. L'uomo prima sta calmo. Poi cerca di dimenarsi per liberarsi. Nessuno lo soccorre. Nessuno lo nutre. Nessuno gli dà da bere. Gli infermeiri entrano in stanza senza fare assolutamente nulla, se non ad un certo punto mettergli il pannolone. E' una tortura. Morirà la notte del 4 agosto, alle 2, ma i medici se ne accorgono solo alle 5. L'autopsia ha certificato che l'uomo è decedeuto per un edema polmonare, dovuto alla contenzione. 


ATTENZIONI IMMAGINI FORTI, SCONSIGLIATE AD UN PUBBLICO SENSIBILE.



altri dettagli su giustiziaperfranco.it




 

1 commento:

>