> L'Italia ripudia la guerra ma bombarda in Afghanistan e uccide civili! >

sabato 7 luglio 2012

L'Italia ripudia la guerra ma bombarda in Afghanistan e uccide civili!



Ufficiale. L'Italia Bombarda in Afghanistan 
I quattro cacciabombardieri italiani AMX Acol del 51° Stormo dell'Aeronautica militare schierati a Herat effettuano diverse operazioni di bombardamento contro gli insorti. Le fonti del Sole 24 Ore non rivelano il numero di raid messi a segno né il numero di bombe sganciate o di talebani uccisi ma è certo che le incursioni sono state effettuate sia nel settore occidentale del Paese posto sotto il comando italiano sia in altre aree su richiesta del comando alleato di Kabul. Il pieno coinvolgimento dei jet italiani nei raid aerei condotti dalle forze aeree alleate è stato autorizzato in gennaio dal ministro della Difesa, Giampaolo di Paola, dopo due anni di impiego dei velivoli limitato alla ricognizione o, in caso di emergenza, all'attacco con i soli cannoncini di bordo (..) Da allora però nessuna notizia è stata resa pubblica circa i raid aerei italiani e il loro esito effettuati in un contesto di crescenti tensioni tra le forze alleate e il Governo afghano per i danni collaterali, cioè le vittime civili provocate accidentalmente dai militari dell'International Security Assistance Force.
(IlSole24Ore)

E mentre fingiamo di stare in Afghanistan per una missione di pace (e il bello che la gente gli crede pure) muoiono civili innocenti sotto i missili degli AMX Italiani, alla faccia dell' Articolo 11 della Costituzione italiana ... ne avrà mai sentito parlare il ministro Giampaolo di Paola? e il governo Italiano?


L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.




 

Nessun commento:

>