> Terremoto, come sempre solo chiacchiere. Ancora niente rimborsi (91 milioni) ai terremotati dell'Emilia! >

venerdì 29 giugno 2012

Terremoto, come sempre solo chiacchiere. Ancora niente rimborsi (91 milioni) ai terremotati dell'Emilia!



 
Per ora sono state solo parole. È passato poco più di un mese da quando un grido bi-partisan si era levato dalle due aule parlamentari di Camera e Senato. “Subito il taglio dei rimborsi ai partiti. Destiniamo i risparmi ai terremotati dell’Emilia!”.
(..) Lo scorso 24 maggio a pochi giorni dal primo dei due terremoti che hanno colpito l’Emilia, c’era anche un emendamento presentato da membri di Pd e Pdl che prevedeva la creazione di un fondo speciale da 150 milioni di euro, ricavati proprio dai tagli ai rimborsi e destinati ai terremotati dell’Emilia e a tutti i cittadini colpiti da “eventi di terremoto o altri disastri naturali avvenuti dopo l’1 gennaio 2009”.
(..) Infatti, se entro l’1 luglio prossimo non entrerà in vigore il disegno di legge sui rimborsi elettorali, i 91 milioni, pari alla rata di luglio, i terremotati emiliani e quelli abruzzesi non li vedranno mai. Così sul web è scattata la protesta e il sito di petizioni online Avaaz ha già raccolto, in poco più di 24 ore, oltre 50 mila firme perché l’esecutivo guidato da Mario Monti adotti un decreto legge che cambi destinazione d’uso di quei fondi
 (Fatto Quotidiano) 

E che fine ha fatto il Pdl, la Lega o l'Idv che facevano a gara di solidarietà nei tg? o il presidente Fini
che tante belle parole gli aveva dedicato?  Era forse solo un modo per abbonirsi i cittadini già incazzati per la situazione in cui la nostra incapace classe dirigente ci ha portato?

Come sempre i nostri politici non riescono a far altro che chiacchiere, anche davanti a tragedie come quelle che ha colpito le zone terremotate dell'Emilia ...



Sul sito di Avaaz è partita a proposito una raccolta firme (già ben oltre 60 mila) per chiedere a Mario Monti e al governo di fare qualcosa per smuovere la situazione e consegnare finalmente i soldi promessi alle zone terremotate.





 

Nessun commento:

>