> Hollande riduce gli stipendi pubblici francesi del 30% (e senza tecnici)! >

giovedì 10 maggio 2012

Hollande riduce gli stipendi pubblici francesi del 30% (e senza tecnici)!



Hollande taglia i super stipendi La prima misura colpisce l'Eliseo

L'altro giorno avevo riportato i punti principali del programma del neo presidente francese François Hollande, e avevo invitato Pier Luigi Bersani a leggerlo, magari qualche spunto interessante per recuperare un po' di credibilità tra i "suoi" l'avrebbe trovato ... oggi invece, arriva la notizia che il presidente francese sarebbe già passato all'azione, e volete sapere qual'è  la prima "misura" annunciata dal suo governo?

un decreto ridurrà del 30 per cento gli stipendi del capo dello Stato, del primo ministro e dei membri del governo. Lo accompagnerà un secondo decreto, con il quale sarà stabilito un tetto alle remunerazioni dei dirigenti del settore pubblico. E per qualcuno il taglio sarà salato. Riprendendo una proposta del suo partito, François Hollande ha infatti deciso di fissare una regola: la forbice salariale dovrà essere compresa fra 1 e 20. Per essere più chiari: un presidente e amministratore delegato di un'azienda pubblica non potrà guadagnare più di venti volte del suo dipendente meno pagato.
Considerati livelli salariali nelle partecipazioni statali, più alti che nel privato, gli stipendi massimi dovrebbero aggirarsi sui 400-420 mila euro, comprensivi di tutto: tredicesima, indennità, benefit vari. Tra gli attuali manager, ci sarebbe un grande perdente: Henri Proglio, numero uno della Edf, il cui stipendio è di 1,6 milioni, cioè 65 volte superiore al salario più basso dell'impresa. La sua remunerazione dovrebbe diminuire del 69 per cento
(Repubblica)

E addirittura lo farà senza nominare tecnici, super-tecnici, professori, consulenti e super-consulenti dei consulenti ... capito come si fa signor Monti? 










Vedi anche:


Bersani leggiti il programma di Hollande!




 

Nessun commento:

>