> Un parlamento che salvaguarda i pregiudicati! >

mercoledì 8 febbraio 2012

Un parlamento che salvaguarda i pregiudicati!



Mafiosi, camorristi, affaristi, pregiudicati, corruttori, papponi, mignotte … questo è quello che troviamo in quella latrina chiamata parlamento Italiano … un parlamento degno di Rebibbia o San Vittore … ma con dei privilegi in più rispetto i “colleghi” dei carceri citati … al suo interno infatti nessuno può accedervi (mi riferisco alle forze dell’ordine) senza che lo stesso ne dia il permesso … gente condannata in via definitiva, processi in corso, richieste ad utilizzare le intercettazioni ect ect tutto deve avere prima l’autorizzazione del parlamento per permettere alle indagini di andare avanti … ultimo caso, solo in ordine di tempo, dopo i vari Dell’utri, Tedesco, Papa, Milanese, Cosentino, Romano (sono 5851 le richieste di autorizzazione a procede contro parlamentari, quasi tutte respinte, in 65 anni di governi), è quello del senatore Luigi Lusi, ex tesoriere della Margherita, indagato per aver sottratto 13 milioni di euro di fondi pubblici al partito:
La Guardia di Finanza ha chiesto su ordine della procura di Roma l’accesso alla documentazione contabile della Margherita. L’indagine è quella che vede indagato il senatore Luigi Lusi, ex tesoriere del partito espulso dal Pd. La richiesta di ottenere “elementi di acquisizione” è stata inoltrata direttamente alla sede centrale del partito a Roma e sono stati richiesti anche i movimenti dei conti correnti del partito accesi presso la filiale Bnl a Palazzo Madama. Ma qui le fiamme gialle si sono presentate con un mandato che non conteneva la richiesta di accedere negli ambienti del Senato, protetti dalle guarentigie parlamentari, così sono stati bloccate. La Giunta delle immunità si sta occupando della vicenda su invito del presidente dell’Aula, Renato Schifani che ha indirizzato una lettera al presidente della Giunta Marco Follini. (Fatto Quotidiano)
Ma dove s’è mai visto che la polizia, la finanza o chi sia, debba chiedere l’autorizzazione per arrestare un parlamentare, ascoltarne le intercettazioni o perquisire la sua abitazione o gli uffici? e soprattutto vi sembra normale che a dare l’autorizzazione sia proprio lo stesso parlamento? Ma per arrestare un normale cittadino chiedono l'autorizzazione al diretto interessato?

E il brutto è che hanno pure il coraggio di chiedere la "responsabilità civile per i giudici" ... ma loro invece quando ci vanno in galera?




 

Nessun commento:

>