> Impunità in parlamento: una piaga tutta Italiana! >

venerdì 17 febbraio 2012

Impunità in parlamento: una piaga tutta Italiana!



 
Il presidente della Repubblica tedesco Christian Wulff si è dimesso per un’accusa di interesse privato in ufficio. Un finanziamento a tasso agevolato da un imprenditore amico e qualche notte di vacanza pagata da altri sono costati la poltrona al capo dello Stato della locomotiva economica europea. Un esito molto diverso da quello che simili vicende hanno sortito in Italia. In una conferenza stampa a Berlino, pur ammettendo “errori” Wulff ha rivendicato la correttezza del proprio comportamento e si è detto certo di uscire indenne dalla vicenda giudiziaria. Ma ha affermato di voler lasciare la carica di fronte alla “fiducia incrinata” dei cittadini in un momento così delicato per la Germania e per l’economia europea. (Fatto Quotidiano)

E questo è solo l'ultimo dei casi più "celebri" ... lo scorso anno si era dimesso il ministro degli Esteri francese, Michele Alliot-Marie, in seguito alle polemiche relative a suoi legami con il regime dell’ex presidente tunisino Ben Ali ... e non sò perchè mi torna in mente il baciamano di Berlusconi a Gheddafi, il "dono di Dio" dedicato a Putin, le parole di elogio al dittatore Lukashenko, ma qui la parola "dimissioni"  non sanno neanche cosa significhi!

Lo scorso marzo era stato il turno di Karl-Theodor zu Guttenberg (Csu), ministro della Difesa tedesco, che ha rassegnato le dimissioni dopo le accuse di "plagio" sulla tesi di dottorato ... in poche parole aveva copiato la tesi ad un noto professore di diritto. Anche in questo caso dimissioni senza la minima esitazione ... qui abbiamo invece ministri che riportano nel loro curriculum, sul sito del Governo, falsi master alla Bocconi mai ottenuti, ma di dimissioni non se ne parla proprio!

Un altro caso, ben più recente, è quello di Chris Huhne, ministro dell’Ambiente e dell’Energia Inglese, che ha presentato volontariamente le proprie dimissioni dopo esser stato accusato di aver nascosto un’infrazione al codice della strada, sostenendo che alla guida della sua auto, sorpreso in eccesso di velocità, c’era sua moglie, Vicky Price ... qui in Italia c'è gente che porta amici su voli di Stato ad incontri istituzionali, amici che tra l'altro ormai risultano latitanti, ma anche in questo caso di dimissioni neanche l'ombra!

Tanto per far capire le differenze, ...




 

Nessun commento:

>