> Il comune rischia scioglimento per mafia, Sgarbi si dimette “non me ne ero accorto” >

lunedì 6 febbraio 2012

Il comune rischia scioglimento per mafia, Sgarbi si dimette “non me ne ero accorto”



Mafia, "Salemi, comune da sciogliere" l'ira del sindaco Sgarbi: "Mi dimetto"
Vittorio Sgarbi si è dimesso! Le indiscrezioni lanciate dal Fatto sullo scioglimento del comune di Salemi per infiltrazioni mafiose trovano i suoi riscontri:
"Mi dimetto, anzi no. Nomino mio vice Giammarinaro e porto quegli ispettori in tribunale per diffamazione", è stato il primo sfogo concitato di Sgarbi al cronista dell'agenzia Agi.  Il critico-sindaco intercala le risposte al giornalista con un fitto dialogo con un interlocutore che dice essere l'ex sindaco di Gela Rosario Crocetta. "Ho lavorato come un matto, io ho contrastato gli interessi mafiosi, come nel caso delle pale eoliche e ora mi attaccano. Sa che faccio? Nomino vice sindaco Pino Giammarinaro e se lui accetta, continuerò a fare il sindaco". E nel frattempo ha sospeso il concorso per la nomina del suo vice, riservato a sole donne under 45, avviando le pratiche per nominare suo vice proprio l'ex democristiano Giammarinaro, al quale sono stati di recente sequestrati beni per 35 milioni; domani alle 12 il sindaco terrà una conferenza stampa nei saloni del castello in Piazza Alicia a Salemi.
Nel primo pomeriggio, però, Sgarbi fa sapere cose diverse: "Mi sono dimesso da sindaco di Salemi, grazie agli ispettori del ministero che hanno mostrato cose di cui non mi ero accorto". "Mi sentivo in pericolo - aggiunge enigmatico - e me ne torno al Nord. Incontrerò il ministro Cancellieri alle 9 di mercoledì prossimo per riferire il mio compiacimento per questa scelta". (Repubblica)
E pensare che appena un anno fa andava dichiarando :
"Sono indagini malate - dice Sgarbi - perché senza alcun riscontro oggettivo si sono elevate maldicenze e chiacchiericcio a ipotesi di reato. Si parla di una mafia che non c'è. O di quella che è stata, come quando si evocano i Salvo, tacendo che l'ultimo di loro è morto nel 1983. Non c'è niente di più grave - ammonisce Sgarbi - che usare la mafia a sproposito. La mafia va aspramente combattuta, ma non è lecito inventarla"

No comment davvero!!!!




 

Nessun commento:

>