> Sai che svolta! Taglio di 700 euro allo stipendio dei deputati ... >

martedì 31 gennaio 2012

Sai che svolta! Taglio di 700 euro allo stipendio dei deputati ...



I deputati cancellano il maxi aumento Per i vitalizi si passa al contributivo

Dopo mesi di polemiche e dopo il lavoro della commissione Giovannini 1, la Camera ha deciso. L'Ufficio di presidenza ha stabilito che il taglio allo stipendio degli onorevoli sarà di 1.300 euro lordi (circa 700 euro netti), a cui si dovrà aggiungere un ulteriore taglio del 10% per quei deputati che svolgono un ruolo ulteriore, come i presidenti di commissione. "Si tratta di decisioni definitive e ad effetto immediato" spiega il vicepresidente Rocco Buttiglione al termine della riunione. Per quanto riguarda i deputati, più che di un taglio si tratta di una sterilizzazione: il passaggio dal sistema retributivo al contributivo per il calcolo del vitalizio, si sarebbe tradotto in 1300 euro al mese in più in busta paga, a causa dei differenti criteri di tassazione. Il maxi aumento, difficile da giustificare in questa congiuntura, è stato scongiurato introducendo una sforbiciata di pari importo. Il rimborso delle spese per i collaboratori sarà al 50% forfettario (ora lo è al 100%) e al 50% dovrà essere documentato, o con l'assunzione del collaboratore o con la documentazione delle spese sostenute. (Repubblica)

Si potrebbe dire, "meglio questo che niente", si potrebbe dire "ci sono voluti 3 mesi di governo Monti per fare quello che Pdl, Pd e Lega non hanno mai fatto in 2 legislature" ... come si potrebbe anche dire che una riduzione di 1300 euro lordi, 700 netti al mese, per un politico Italiano (che poi come mi ricordano in molti su Facebook, di riduzione non si tratta, ma semplicemente è il congelamento all'aumento di stipendio di 1300 euro già ratificato da diverso tempo), il più pagato dell'intera Unione Europea e che ne arriva a guadagnare, nel peggiore dei casi, 12 mila NETTI al mese (24 mila lordi al mese ... vedi la busta paga del senatore Idv Stefano Pedica), quando poi ci sono persone che sopravvivono con pensioni di 400 euro al mese, o stipendi da fame da 800 euro al mese (per dieci ore di lavoro al giorno) con a carico magari due o tre figli, è veramente un taglio ridicolo e l'ennesima beffa per il popolo martoriato dalle tasse e dalla disoccupazione!

Si poteva e si doveva fare di più, soprattutto dopo i sacrifici chiesti al popolo in questi ultimi anni, non solo in questi mesi di governo Monti!



Vedi anche: 

- Anche al Senato annunciano tagli .. ma è solo lo stop agli aumenti!




 

Nessun commento:

>