> Maggioranza in crisi: Polverini e Tosi a B. “dimettiti”. Gentilini “tre anni persi dietro a B. e alle puttane” >

domenica 11 settembre 2011

Maggioranza in crisi: Polverini e Tosi a B. “dimettiti”. Gentilini “tre anni persi dietro a B. e alle puttane”



Il primo a manifestare il suo dissenso era stato nei giorni scorsi Beppe Pisanu, presidente della commissione antimafia e deputato del Pdl “Berlusconi deve fare un passo indietro” .

Nonostante i tentativi di minimizzare e le parole dello stesso Silvio Berlusconi “abbiamo salvato l’Italia” (riferendosi alla manovra finanziaria, ndr), il malcontento sembra ormai evidente, come le spaccature nella stessa maggioranza. A confermarlo sono stati prima il presidente della Regione Lazio Renata Polverini, “deve fare un passo indietro” perché “le vicende che hanno coinvolto Berlusconi nell’ultimo periodo ne hanno minato la credibilità e la reputazione”, e questo si traduce “in un serio problema di credibilità per il Paese”, e poi il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che dice  ”Penso che per il 2013 ci sia bisogno di fare le primarie, per individuare un nuovo candidato. L’importante è che vada avanti il Pdl e il suo progetto politico, ovviamente siamo tutti grati a Berlusconi per aver fondato il partito”.

Il leghista Flavio Tosi, sindaco di Verona, senza troppi giri di parole sentenzia ”Un ciclo è concluso. La cosa migliore sarebbe che Berlusconi decidesse di farsi da parte. Ma non nel 2013: il prima possibile”, auspicando una soluzione interna alla maggioranza senza andare però alle elezioni.

Ad andarci pesante è invece l’ex sindaco di Treviso, Giancarlo Gentilini, famoso per i suoi comizi a sfondo ultra razziale, che chiosa “Questo matrimonio politico doveva essere un divorzio immediato – tuona – sono tre anni persi a fare da zerbini a Berlusconi e andare dietro alle puttane. I leghisti non ne possono più, è tempo che qualcosa cambi, o il nostro movimento è pronto a sfaldarsi”.

A quanto sembra “la nave affonda e i topi scappano” prima che sia troppo tardi … che dite, sarà ancora la Lega a far cadere Berlusconi?





 

Nessun commento:

>