> Berlusconi contro l’evasione fiscale? Ma intanto viola le norme antiriciclaggio! >

lunedì 5 settembre 2011

Berlusconi contro l’evasione fiscale? Ma intanto viola le norme antiriciclaggio!



Silvio Berlusconi

I pagamenti in contanti a Gianpaolo Tarantini e Valter Lavitola disposti da Silvio Berlusconi violano la normativa antiriciclaggio. È il giudice di Napoli Amalia Primavera a sottolinearlo nella sua ordinanza di cattura dei due uomini arrestati per estorsione insieme alla moglie di Tarantini, Nicla. E proprio in questa direzione, che mira a verificare anche altri pagamenti rimasti occulti, si muovono gli accertamenti disposti dai pubblici ministeri che già oggi potrebbero concordare con l'avvocato Nicolò Ghedini la data per l'interrogatorio del Presidente del Consiglio.

La legge vieta le transazioni in contanti superiori ai 5.000 euro e prevede sanzioni amministrative che impongano il pagamento di una cifra compresa tra l'1 e il 40 per cento dell'importo totale (..) Berlusconi nega di essere stato ricattato, giura che si è trattato di un «aiuto per una famiglia in difficoltà». Ma adesso dovrà spiegare come mai - nonostante sia stato proprio il suo governo ad abbassare la soglia lecita per i pagamenti in contanti - lui abbia dato disposizioni alla sua segretaria affinché preparasse le buste destinate a Tarantini che poi venivano ritirate dai collaboratori di Lavitola. (Corriere della Sera)

Purtroppo in questo paese sono ancora in troppi a credere che agli asini volino





 

Nessun commento:

>