> Approvato il progetto del ponte di Messina. Aumenti per altri 2,2 miliardi (a spese dei contribuenti)! >

martedì 9 agosto 2011

Approvato il progetto del ponte di Messina. Aumenti per altri 2,2 miliardi (a spese dei contribuenti)!



Perseverare è diabolico. La Corte dei Conti l’ha demolito, l’Europa ha chiuso i rubinetti: eppure nei giorni scorsi è stato approvato il progetto definitivo del ponte di Messina.

Comporta maggiori spese pari a 2,2 miliardi di euro: all’incirca il 30% in più. A carico delle finanze pubbliche (cioè preso dalle nostre tasche) il 40% della spesa complessiva, che è di 8,5 miliardi. Il resto sarà sborsato da ancora fantomatici investitori privati, che rientreranno della spesa e otterranno profitto grazie ai pedaggi dei veicoli in transito sul ponte. Cioè: li prenderanno dalle nostre tasche, di nuovo. (Blogeko)

E come detto sopra, a loro poco importa se la Corte dei Conti ha avanzato tutti i dubbi sulla fattibilità e la sicurezza di un opera del genere … poco importa se dai 4,68 miliardi di euro nel progetto preliminare del 2003, si era passati a 6,35 miliardi di euro del gennaio 2010 … senza dimenticare che l’ Ue ha tagliato (la decisione definitiva a settembre) i fondi stanziati inizialmente per l’opera, e che dal progetto approvato in questi giorni risulta un ulteriore aumento di 2,2 miliardi di euro rispetto a quanto stabilito nel 2010 … e non basta, perchè forse molti non sapranno che il governo, nel caso non venisse costruita l’opera, dovrà pagare una penale che potrà oscillare dai 390-630 milioni di euro da sborsare nei confronti della Impregilo (la cordata assegnataria dell’opera – leggete qui chi è Impregilo, e capirete molte cose).

Naturalmente tutto a spese dei cittadini (già martoriati dalla crisi finanziaria e dalla manovra di oltre 70 miliardi di euro voluta dal governo) … mentre sicuramente il paese, invece di pensare a queste cazzate, avrebbe bisogno di una messa insicurezza totale del territorio che resta ad altissimo rischio sismico e frane! L’Aquila e Giampilieri non hanno proprio insegnato nulla eh?





 

Nessun commento:

>