> Da quale pulpito! >

giovedì 16 giugno 2011

Da quale pulpito!



Stracquadanio: "Bisogna punire gli statali che vanno sul web"

Giorgio Stracquadanio è un personaggio "particolare", non ti da il tempo di "assorbire" la stronzata del giorno che subito ne spara un'altra! Appena l'altro ieri aveva detto:
“Perchè su internet noi non vinciamo? Ma scusate ragazzi, hanno un esercito che alle 2 del pomeriggio và a casa e non fa un cazzo!”
Ma il senatore Pdl è uno di quelli che non si fa sfuggire niente e torna ad attaccare gli internauti di sinistra :
"Bisogna punire i dipendenti pubblici che usano internet per motivi privati durante l'orario di lavoro" . "Ci sono migliaia e migliaia di persone, prevalentemente nel pubblico, che trascorrono la mattina a postare i video di Repubblica.it, che oramai oggi detta l'agenda anche agli altri media. Bene, io penso che vadano presi provvedimenti di diversa natura: multe, sospensioni"
Belle parole non c'è dubbio ... argomento serio e che meriterebbe discussioni approfondite, anche perchè, che il problema sia reale, è indiscusso, che sia un "brutto vizio" solo di persone di sinistra (perchè a mio giudizio a quello mira l'attacco di Stracquadanio) è tutto da dimostrare ... se non fosse altro poi che questi sono discorsi che potrebbero fare tutti, ma non loro, i politici che lavorano 15 ore al mese e guadagnano 15 mila euro ... e poi insomma, da quale pulpito!!!!!!!!!!


Antonio Martino, Pdl (Photoviews)

Antonio Martino, Pdl (Photoviews)

Gaetano Pecorella, Pdl (Photoviews)

Gaetano Pecorella, Pdl (Photoviews)

Luciano Dussin, Lega Nord (Eidon)

Luciano Dussin, Lega Nord (Eidon)

Sabatino Aracu, Pdl (Photoviews)

Sabatino Aracu, Pdl (Photoviews)




Tutte le foto da Corriere.it


Vedi anche:

- Stracquadanio, ''Sinistra vince sul web perché il suo popolo il pomeriggio sta a casa e non fa un cazzo''

- Stracquadanio (PDL) chiede più soldi per i parlamentari che lavorano seriamente

- Esclusiva! Ecco come Straguadagno si sputtana lo stipendio!

- Stracquadanio-shock: "l'Aquila era già morta".




 

Nessun commento:

>