> Omofobia: bocciato dalla Camera il disegno di legge. Delusa la Concia. Carfagna: “Mi farò garante di riparare all’errore commesso”. >

giovedì 19 maggio 2011

Omofobia: bocciato dalla Camera il disegno di legge. Delusa la Concia. Carfagna: “Mi farò garante di riparare all’errore commesso”.



Omofobia: bocciato dalla Camera il disegno di legge. Delusa la Concia. Carfagna: “Mi farò garante di riparare all’errore commesso”.

La Camera boccia la legge sull’Omofobia ed è polemica. Per l'Udc si tratta di un testo incostituzionale e l’assemblea di Montecitorio ha approvato, con i voti di Pdl e Lega, la questione pregiudiziale avanzata dal partito di Casini: 285 voti a favore, 222 contrari e 13 astensioni. Democratici e Idv hanno votato contro. A votare a favore sono stati Carmelo Briguglio, Giuseppe Calderisi, Benedetto Della Vedova, Chiara Moroni, Flavia Perina, Mario Pepe, Roberto Tortoli, Adolfo Urso e soprattutto Italo Bocchino che del Pdl è vicecapogruppo, e che in aula ha parlato a nome del gruppo votando però alla fine con l’opposizione. Nel Pdl si sono registrate anche dieci astensioni.

La proposta di questa nuova legge era stata presentata dieci giorni fa da Anna Paola Concia, deputato del Pd, e nel testo inseriva tra le aggravanti dei reati i fatti commessi ‘per finalità inerenti all’orientamento o alla discriminazione sessuale della persona offesa dal reato’. Questa legge, se approvata, sarebbe stata il modo per riempire un vuoto legislativo che lascia l’Italia ancora fra i pochi Paesi dell’Ue a non avere alcun tipo di regolamentazione in materia nonostante gli inviti del Parlamento europeo a intervenire.

Delusa la Concia: per il Pdl, che ‘ha detto bugie’ ma anche per il suo gruppo, che ‘senza avvertirmi ha cambiato idea e ha votato contro la possibilità di tenere in vita questa legge con il suo ritorno in Commissione’. Una votazione che spacca sia la maggioranza che l'opposizione. Il ministro per le pari opportunità, Mara Carfagna, si farà carico di riproporre al Parlamento una norma contro l'omofobia. "Mi farò garante di riparare all'errore commesso dal Partito Democratico, proponendo al Consiglio dei ministri un disegno di legge che preveda aggravanti per tutti i fattori discriminanti compresi quelli dell'età, della disabilità, dell'omosessualità e della transessualità”.


da Notizie Video Blog




 

Nessun commento:

>