> Foto-shock: l'impresa italiana dopo 10 anni di Governo Berlusconi. >

giovedì 21 aprile 2011

Foto-shock: l'impresa italiana dopo 10 anni di Governo Berlusconi.




 
Il diritto di rispondere a un agente della Guardia di Finanza o a un ispettore delle Entrate «non rompete più di tanto» è il sogno di qualunque contribuente. Perché alla pressione fiscale da record (43,5% nel 2009; al terzo posto tra i Paesi sviluppati dietro Danimarca e Svezia), si aggiunge quello del numero di adempimenti fiscali e quello dei controlli (...) I documenti si moltiplicano e di pari passo simoltiplicano le ore dedicate alla consegna di faldoni contabili a questo e quell’ufficio. La Banca Mondiale ha fatto la classifica del Fisco complicato. Sulla bellezza di 183 paesi, l’Italia è collocata al 123° posto. Si stima che ogni azienda sia costretta a dedicare alle tasse il doppio del tempo necessario in Francia e Olanda, il 50% in più di Spagna e Germania; 60 ore in più della media europea. Nel corso di quest’anno, per esempio, le scadenze fissate sono 694.
[Fonte testo:La Stampa- Fonte immagini (click per ingrandire):
Il Giornale/Il Corriere della Sera/La Repubblica/Il Sole 24 Ore]

Dal1994 in poi non ha mai smesso di promettere particolare attenzione al mondo dell'impresa, della competizione, dello sviluppo, dell'efficienza, della libertà economica - meno Stato e più Mercato, il suo motto preferito - assicurandoci "meno tasse per tutti" e scagliandosi contro un fisco vorace, da riformare, ed una burocrazia-killer, da sconfiggere. Oggi sappiamo che 10 anni di "Leader-Imprenditore" - e che imprenditore! - hanno reso quello italiano l'imprenditore più subissato d'Occidente, prima burocraticamente, poi fiscalmente. E se questo era il suo campo, figuratevi il resto.




da Non leggere questo Blog!




 

1 commento:

>