> Di chi dobbiamo aver veramente paura? >

domenica 17 aprile 2011

Di chi dobbiamo aver veramente paura?



image Il Premier (inizio a trovare anche un certo disgusto nel dover chiamare tale persona con questo “titolo”) ormai delira e se un giorno dice di “pagare una prostituta per non prostituirsi” (che uomo eh?), il giorno dopo  attacca “i Pm sono una associazione a delinquere” (e scusate se poi m’incazzo ad esempio quando leggo che la mamma di Federico Aldrovandi, il ragazzo ucciso da 4 poliziotti, invece è stata “denunciata per diffamazione a mezzo stampa” per aver criticato, dico criticato, no insultato, l’operato di un magistrato in base a “mancanze” apprese dagli atti delle indagini), e lancia la solita stoccata alla scuola pubblica «quale educazione dare ai loro figli e sottrarli a quegli insegnamenti di sinistra che nella scuola pubblica inculcano ideologie e valori diversi da quelli della famiglia».

E non ve la prendete se a sentir parlare di “valori della famiglia” uno che fa Bunga-Bunga con prostitute minorenni, rabbrividisco! E distraendo la massa con le panzane della magistratura comunista, si fa approvare la prescrizione breve che lo salverà dai processi Mills e Mediaset (e che andrà ad annullare migliaia e migliaia di processi).

E intanto è già pronta al Senato una norma che se approvata andrà a bloccare i processi nel caso la consulta abbia sollevato il “conflitto di attribuzione”guardacaso, il conflitto di attribuzione è stato imposto per il processo Ruby dove il premier è indagato per prostituzione minorile e concussione … non voglio essere maligno, ma sarà solo un caso?


http://images.milano.corriereobjects.it/gallery/Milano/2011/02_Febbraio/berlusconi/1/img_1/ber_16_672-458_resize.jpgNel frattempo Milano viene tappezzata da manifesti contro la magistraturavia le Br dalle procure” (che sono stati sequestrati proprio ieri dalla Digos che ha fatto partire un indagine) e solo stamane Roberto Lassini, coordinatore Milanese del Pdl e ex sindaco di Turbigo, ha ammesso di esserne l’artefice «Quei manifesti sulla giustizia non volevano essere offensivi verso i magistrati, né mancare di rispetto alle istituzioni. Sono stati una provocazione» … e meno male, pensate se voleva offendere cosa poteva scrivere? Lassini è candidato Pdl a Milano e nessuno si sogna di escluderlo, rimarrà tranquillamente in lista.

http://ilnichilista.files.wordpress.com/2011/04/manifesto-destra-urbisaglia.jpeg?w=300&h=225A Macerata, come ci segnala Il Nichilista, vengono affissi manifesti del partito di estrema destra “La Destra che invitano a “sterminare i cattocomunisti” del Pd e l’Udc , tutto questo mentre a Roma lo stesso leader de La Destra, Nello Musumeci (ex Msi) viene nominato dal governo, nuovo sottosegretario al Lavoro.


A Napoli l’iniziativa “liste pulite” del Pdl sapete a chi è stata affidata? Proprio a lui, l’indagato per eccellenza, quello che i Pm ne aveva chiesto l’arresto (arresto negato dalla Camera anche grazie ai voti del PD) perchè aveva “aiutato la camorra”, parlo di Nicola Cosentino indagato per associazione Camorristica e giudicato recentemente dalla Corte di Cassazionesocialmente pericoloso” . A fianco di Nicola Cosentino, nel faticoso lavoro di pulizia delle liste, troviamo un certo Vincenzo Nespoli, sindaco di Afragola, vice-coordinatore provinciale del Pdl, accusato di concorso in riciclaggio e bancarotta fraudolenta e dopo che la procura di Napoli ne aveva chiesto e ottenuto gli arresti domiciliari, viene salvato dal Senato che ne ha negato l’autorizzazione a procedere (al solito).

http://notizie.tiscali.it/media/11/04/formigoni.jpg_415368877.jpgIl Lombardia scoppia il caso “firme false”, infatti sono stati indagati per falso ideologico e falso in atto pubblico, 10 consiglieri regionali e comunali per le circa 800 firme false (su 3800) nel listone che ha portato per la quarta volta consecutiva Roberto Formigoni a diventare presidente della regione Lombardia. Ma lui naturalmente di tutto questo se ne infischia «La validità della mia elezione è dovuta al popolo sovrano che ha scelto Formigoni preferendolo a qualsiasi altra soluzione».

E vi chiedo, davanti un quadro del genere, di chi dobbiamo aver veramente paura?




 

Nessun commento:

>