> Cartello in una bar romano 'Vietato l’ingresso ad animali e immigrati' >

giovedì 7 aprile 2011

Cartello in una bar romano 'Vietato l’ingresso ad animali e immigrati'



Sarà un caso?

Sarà un caso vedere il nostro premier salire sul "predellino" stile dittatore ogni qualvolta si mostra in pubblico? Saranno un caso le sue continue battutine omofobe? Sarà un caso vedere quotidiani (come Libero e Il Giornale) regalare continuamente diari del Duce o libri che riguardano il Fascismo? Sarà un caso leggere quotidianamente notizie di aggressioni a persone omosessuali o straniere? Sarà un caso che la scorsa settima a 5 deputati Pdl e uno Fli hanno presentato un ddl costituzionale per abolire la XII norma transitoria e finale della Costituzione (vedi qui), quella che vieta "sotto qualsiasi forma, la riorganizzazione del disciolto partito fascista"?

Sarà sicuramente un caso, ma l'inversione di tendenza, a mio giudizio, c'è stata e da diverso tempo ... e quello che è accaduto oggi in un bar romano ne è solo l'ennesima conferma!

“Vietato l’ingresso agli animali ed agli immigrati. La direzione” ... è quello che recita il cartello affisso sull'esterno di un bar a Roma, zona Montesacro ... sembra di esser tornati negli anni bui del Nazismo, dove davanti i negozi potevi leggere "vietato l'ingresso ai cani e gli ebrei" ... invece siamo nel 2011 ...










 

Nessun commento:

>