> Questo qui è un Parlamentare della Repubblica. >

lunedì 21 febbraio 2011

Questo qui è un Parlamentare della Repubblica.




Luca Barbareschi, aprile 2008, il Pdl lo piazza in Parlamento: "Berlusconi è un fuoriclasse, un genio, come lui ne nasce uno ogni 50 anni ... meno male che ha resistito ai giudici di Mani Pulite, che hanno fatto un vero colpo di stato".

Luca Barbareschi, 31 ottobre 2009: "Ho oltre l'80% di presenze ... ah sì? Sicuro che ne ho solo il 47,70%? ... Vabbè, è quasi la metà. E' la stessa cosa ... non ce la farei ad andare avanti con il solo stipendio da politico ... ("Ma sono circa 23.000mila euro lordi al mese, più tutti i benefit", sottolinea l'intervistatore) ... E allora? Non sono mica nato da una famiglia ricca. Nessuno mi ha lasciato niente ... E' facile parlare per voi! Voi giornalisti siete la vera casta, la feccia".

Luca Barbareschi, 16 aprile 2010: "il Pdl non esiste, è un partito di plastica. Fini mi ha chiesto: "Sei pronto?" ...".

Luca Barbareschi, 7 luglio 2010: "Mediaset blocca il mio film ... hanno fatto bene quelli di sinistra ad insultare Berlusconi per 10 anni, così ora hanno fatto i miliardi, io invece ho preso solo fregature".

Luca Barbareschi, 22 luglio 2010: "Il Pdl è solo un partito di sudditi che fa gli interessi di B. e di Mediaset. Noi deputati non possiamo essere trattati come sudditi mentre si trasforma lo Stato in un bordello".

Luca Barbareschi, 31 luglio 2010, è entusiasta: lascia il Pdl e diventa Deputato di Futuro e Libertà, il nuovo gruppo parlamentare guidato da Gianfranco Fini.

Luca Barbareschi, 6 ottobre 2010: "Per me il partito di Fini dev'essere un Fronte di Liberazione Nazionale, aderisco a Fli con lo stesso spirito con cui mio padre ha combattuto tra i Partigiani bianchi del Cln ... abbiamo sbagliato ad appoggiare Berlusconi, siamo caduti nel suo inganno, dobbiamo liberare l'Italia da questa politica morta".

Luca Barbareschi, 2 novembre 2010: "Lo scanalo Ruby? Fossi in Berlusconi mi dimetterei".

Luca Barbareschi, 6 novembre 2010, nasce Futuro e Libertà: "Ho un incarico, il più grande che mi è stato affidato nella mia vita di spettacolo e politico: leggere il Manifesto per l'Italia di Fli ... Noi amiamo l'Italia, la nostra Patria e la vogliamo orgogliosa e consapevole, unita nelle sue differenze, civile e generosa, tollerante ed accogliente; una Nazione di cittadini liberi, che credono nell'etica della responsabilità".

Luca Barbareschi, 31 gennaio 2011: "Sono solo illazioni, non ritorno nel Pdl. Resto in Fli. La notizia vera è che ieri pomeriggio sono stato ad Arcore per incontrare il Premier, e sono contento di questo incontro ... pensare con preoccupazione e con spirito costruttivo ai problemi del Paese non significa cambiare casacca. Il mio passaggio in Fli, fin dalla sua fondazione, è stato convinto e chiaro. Le dimissioni da deputato? Non le escludo". (Il friulano Diego Volpe Pasini, che assieme Vittorio Sgarbi è appena andato a trovare Berlusconi ad Arcore, a Radio 24 afferma: "Tutti sanno che Barbareschi è andato da Silvio per sbloccare le sue fiction")

Luca Barbareschi, 1 febbraio 2011: "Nell'inchiesta ci sono delle foto fatte in casa di Berlusconi con strumenti professionali usati per lo spionaggio ... sappiamo che questi apparecchi costano più di 25.000 euro l'uno. Gli investigatori hanno fatto delle foto e sono notizie certe. Non sono foto fatte dalle ragazze con i telefonini ma foto scattate con strumenti professionali. Non è più un paese libero. Se dovessi vedere una foto di Berlusconi io come cittadino italiano mi sentirò offeso".

Luca Barbareschi, 1 febbraio 2011: "Berlusconi mi ha offerto di tutto per tornare nel Pdl ... ma non esco da Futuro e Libertà, e non ho nessuna intenzione di andare con i Responsabili di Moffa".

Luca Barbareschi, 2 febbraio 2011: "Non mi dimetto da Futuro e Libertà, sono tranquillo e sto bene dove mi trovo adesso".

Luca Barbareschi, 2 febbraio 2011: "Non esiste una sola dichiarazione alla stampa in cui dico che andrò via da Fli ... Faccio parte di Futuro e Libertà, voterò compatto con Fli".

Luca Barbareschi, 3 febbraio 2011, voto sul Ruby-gate, sorprendente astensione: "No! C'é stato un contatto, un errore. Io ho votato compatto insieme ai finiani".

Luca Barbareschi, 5 febbraio 2011: "Non me ne vado, tra poco si chiarirà tutto".

Luca Barbareschi, 6 febbraio 2011. "Ecco come Barbareschi ha cambiato il suo voto", spiega la finiana Angela Napoli.

Luca Barbareschi, 7 febbraio 2011: "Resto in Fli, non me ne sono mai uscito. Questa settimana ho messo in atto la più grande e bella provocazione mediatica: senza aver detto nulla, perché non esistono dichiarazioni in cui dico che lascio Fli ... Però "pagliaccio" non me lo dice nemmeno Fini, pretendo le sue scuse".

Luca Barbareschi, 8 febbraio 2011: "Le ripeto: io ad Arcore non ho chiesto niente. Abbiamo parlato da amici ... Il voto sbagliato? Ma certo che ho fatto apposta! Mi sono astenuto, e poi ho finto di essermi sbagliato ... Diciamo che lanciavo il mio film, "Il trasformista", in vista del suo passaggio televisivo, su Rai3 ... Questa storia che io starei tradendo Fli è una bufala mediatica ... È una bufala mediatica perché io non ho mai detto di voler lasciare Fli. Tutti i giornali l'hanno scritto, è vero... Ma era e resta una vostra fantasia. Punto"

Luca Barbareschi, 8 febbraio 2011: "Ancora una volta sono costretto a intervenire per ribadire la mia appartenenza a Futuro e Libertà, che ho contribuito a fondare e alla quale aderisco pienamente".

Luca Barbareschi, 11 febbraio 2011: "Non passo col Cavaliere, abbiamo solo parlato di agenda digitale ... ho solo stigmatizzato il falso moralismo che vuole impiccare in piazza lo stile di vita del Premier".

Luca Barbareschi, 15 febbraio 2011: "Si puo' criticare Berlusconi ma bisogna tener contro delle cose buone fatte dal governo, come ad esempio la riforma Gelmini. Non possiamo darci dei cretini da soli''.

Luca Barbareschi, 15 febbraio 2011: "La manifestazione delle donne è stata strumentale e inutile ... le donne hanno sempre usato il loro corpo per fare carriera, in tutti i settori, in tutto il mondo". "

Luca Barbareschi, 16 febbraio 2011, alla fine ce la fa: via libera dalla Rai, per lui, le sue fiction e le sue aziende, con un lucroso contratto da 15 milioni.

Luca Barbareschi, 16 febbraio 2011: "Dopo Tangentopoli, Berlusconi è stato fondamentale per creare questo centrodestra ... non dobbiamo fare di Berlusconi un nemico ... Ruby? Chi è senza peccato scagli la prima pietra ... comunque io per ora resto con Fli, gli altro fanno i trasformisti, io no, resto immobile".

Luca Barbareschi, oggi: "Lascio Fli per il gruppo misto: aiuterò il Governo. Berlusconi mi ha già telefonato, ringraziandomi per la coerenza".

 

da Non leggere questo Blog!





 

Nessun commento:

>