> Feltri e Sallusti, c’eravamo tanto amati >

domenica 9 gennaio 2011

Feltri e Sallusti, c’eravamo tanto amati



http://www.reggio7.com/wp/wp-content/uploads/2010/12/feltri-sallusti.jpg

Tra i due amici volano stracci. A mezzo stampa: ciascuno accusa l'altro di scrivere falsità e di omettere la verità. Tutto è partito da un intervento pubblico a Cortina in cui Feltri dice: "Berlusconi al Quirinale? Roba da film De Sica e Boldi"

Il Giornale scrive falsità”. Alessandro Sallusti “in questi giorni ha perso la testa, come tutti quelli che ne hanno poca”. Le cortesie per il direttore del quotidiano di via Negri non arrivano da Michele Santoro o Marco Travaglio ma dall’amico ed ex guida, Vittorio Feltri. Sono giorni di calma apparente, con scambio di quotidiane aggressioni a mezzo stampa. Neanche troppo infiocchettate. Da quando, il 21 dicembre scorso, Feltri ha lasciato Il Giornale per tornare a Libero, raggiungendo l’amico Maurizio Belpietro, da via Negri sono partiti colpi vari all’ex direttore. Fino all’ultimo, sabato mattina, il più pesante: l’accusa di tradimento a Silvio Berlusconi.
L’attacco lo sferza Sallusti: “Napolitano (e Feltri) cambiano bandiera”. Scrive Sallusti: “Il giornalista, fino a ieri tra i più autorevoli sostenitori del premier, in un incontro pubblico a Cortina, ha detto che Silvio Berlusconi non ha i numeri per candidarsi a capo dello Stato e che sarebbe addirittura meglio che non si candidasse neppure a premier. Fini, Bocchino e Di Pietro possono contare su un nuovo alleato?”. Accuse pesanti. Feltri, di fatto, a Cortina ha scherzato davvero sull’ascesa del premier al Quirinale. “Roba da cinepanettone natalizio – ha detto – ci farebbero un film De Sica e Boldi”, a immaginarsi poi i problemi con “le escort al Quirinale”. Frasi accolte dalle risate, in quello che è un incontro pubblico natalizio. L’accusa di tradimento, dal suo giornale, proprio non se l’aspettava. “Fino a ieri pubblicavano paginate di lettere a mio favore e ora mi danno del traditore”.
Immediata la risposta. A mezzo stampa. Il (ri)fondatore di Libero si fa intervistare da Maurizio Belpietro e pubblica un video sul sito internet. Sallusti, dice, “ha scritto delle cose totalmente inventate, spiace che il Giornale si sia ridotto a creare dei falsi, in questo caso io ne sono vittima”. E alle accuse di essere diventato antiberlusconiano, Feltri ribatte: “Io sono sempre stato berlusconiano ma c’è sempre qualcuno nella vita più berlusconiano di te, di solito chi recita questo ruolo è uno che è arrivato all’ultimo momento. E Sallusti è uno di questi. Io sono berlusconiano da oltre vent’anni, tuttavia non ho mai preso ordini da berlusconi”. Per chiarire ulteriormente il messaggio, l’intervista viene pubblicata con ampio spazio (due pagine oltre la prima) sul numero stamani in edicola.
Dice Feltri: “Il Giornale ha preso un granchio, mi ha attribuito frasi che non ho detto né pensato. Sarà stato l’effetto dello spumante o della disperazione. Non so. Non ho telefonato al mio amico Sallusti per chiedere spiegazioni. Da lui mi aspetto solo delle scuse”. E ancora: “A Sallusti ho fatto solo del bene, gli consiglio di calmarsi” perché “capisco che uno abbia ambizioni, l’importante però è esserne all’altezza”.
Lo scambio di cortesie è reciproco. Perché nel frattempo Sallusti ribatte al video. In prima pagina, ovviamente. “Ieri, in pubblico e in privato, il mio ex direttore ne ha dette di tutte su di me. Non ho gradito che ieri Feltri (che al momento di uscire aveva detto che noi del Giornale, e quindi presumo anche i nostri lettori, gli stavamo sui coglioni) ci ha dato dei bugiardi. La prova? Sarebbe bastato leggere la trascrizione integrale del suo intervento pubblicata su Libero: non c’è traccia della nostra tesi. E’ vero. Solo che una manina accorta, non credo proprio la sua, a Libero aveva omesso guarda caso proprio quei passaggi sulle escort al Quirinale, sui timori di una ricandidatura, sulle legittime ambizioni di Tremonti a scalzare Berlusconi che risultano nella registrazione audio e video. Tutto qui, non siamo bugiardi, semmai sospettosi e irriverenti. Prendiamo atto che ieri Feltri ha detto di essere fermamente berlusconiano. Meglio per tutti, soprattutto per Berlusconi”.
Ricapitolando. Feltri accusa Il Giornale di scrivere falsità, Sallusti sostiene che Libero omette la verità. Ed entrambi si professano berlusconiani doc. Un rebus per i lettori del centrodestra: chi dei due mente? E, se entrambi scrivono il vero, di vero dunque non scrivono niente?

 

da Il Fatto quotidiano

Foto





 

Nessun commento:

>