> Via libera della Consulta al "legittimo impedimento"? >

martedì 28 dicembre 2010

Via libera della Consulta al "legittimo impedimento"?



http://www3.lastampa.it/fileadmin/media/politica/berlusconi04g.jpg


In base a quanto riporta Federico Geremicca, de La Stampa, la Corte Costituzionale sarebbe pronta a respingere il ricorso del pm milanese De Pasquale, sulla costituzionalità della legge sul legittimo impedimento.

Ricordo che circa una mesata la consulta rinvio a gennaio la decisione sul legittimo impedimento da cui dipendono i tre più importanti processi a carico del presidente Silvio Berlusconi (processo Mills, Mediaset e Mediatrade), rinviati al prossimo ottobre 2011 grazie proprio agli effetti della contestata legge.

Sempre in base a quello riporta La Stampa,la consulta sarebbe pronta quindi al rigetto del ricorso, o almeno quello sarebbe il volere del relatore Sabino Cassese:
"Questa, almeno, è la soluzione che il giudice relatore del caso ","proporrà agli altri membri della Corte, che torneranno a riunirsi per la sentenza l’11 o il 12 gennaio"
Continua Federico Geremicca:
"Nella sostanza, il sottile confine che fa del legittimo impedimento una norma costituzionale oppure incostituzionale, sta tutto in una parola-chiave: automatismo".
"Secondo il relatore, infatti, se si ritenesse (interpretasse) che l’essere ministro o presidente del Consiglio costituisse di per sé un legittimo impedimento a rispondere alla convocazione in tribunale da parte dei giudici, questo equiparerebbe di fatto lo «scudo» ad una vera e propria (e automatica) «immunità» che, in quanto tale, andrebbe disciplinata con legge costituzionale. Se, al contrario, la valutazione del legittimo impedimento invocato dall’imputato (in questo caso si parla di Berlusconi) venisse di volta in volta affidata al giudice di competenza, allora nulla osterebbe a che la materia fosse regolata (come è nel caso, appunto, del legittimo impedimento) con legge ordinaria. Ed è precisamente così, secondo la «sentenza interpretativa» che la Corte si accingerebbe ad emettere, che la legge andrebbe dunque intesa e, quindi, applicata"
Se questa sarà l'interpretazone anche degli altri giudici, allora questa potrebbe essere la decisione finale della consuta!

Staremo a vedere quindi se le previsioni di  Geremicca si rileveranno esatte o se per una volta la giustizia seguirà il suo giusto corso ... perchè è bene ricordare che "la legge è uguale per tutti" ... o almeno così dovrebbe essere!




 

Nessun commento:

>