> Belpietro accusa: “pronto finto attentato a Fini” per incolpare Berlusconi >

lunedì 27 dicembre 2010

Belpietro accusa: “pronto finto attentato a Fini” per incolpare Berlusconi



libero-fini-attentato La prima pagina di “Libero” di oggi 27-12-10 (a sinistra l'editoriale di Belpietro)

Ecco l’ultima bomba di Libero!Ancora un editoriale shoccante di Maurizio Belpietro!

Secondo il direttore qualcuno starebbe preparando un attentato al presidente della Camera, Gianfranco Fini, per dare poi la colpa al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e parla anche di presunti incontri tra Fini e un escort.
“Girano strane voci a proposito di Fini. Non so se abbiano fondamento, se si tratti di invenzioni oppure, peggio, di trappole per trarci in inganno”
Inizia così l’editoriale di Belpietro che poi aggiunge altri particolari, parla di fonti certe, persone pronte anche a testimoniare, e cifre di migliaia di euro :
“alcune persone di cui ho accertato identità e professione si sono rivolte a me assicurandomi la veridicità di quanto raccontato e, in alcuni casi, dicendosi addirittura pronte a testimoniare di fronte alle autorità competenti”
“Qui qualcuno avrebbe progettato un brutto scherzo contro il presidente della Camera. Non so se sia giusto parlare di attentato, sta di fatto che c’è chi vorrebbe colpirlo in una delle sue prossime visite e per questo si sarebbe rivolto a un manovale della criminalità locale, promettendogli 200 mila euro
Nel prezzo sarebbe “incluso“ anche:
il silenzio sui mandanti, ma anche l’impegno di attribuire l’organizzazione dell’agguato ad ambienti vicini a Berlusconi, così da far ricadere la colpa sul presidente del Consiglio
Secondo Libero:
l’operazione punterebbe al ferimento di Fini e dovrebbe scattare in primavera, in prossimità delle elezioni, così da condizionarne l’esito”
L’editoriale ha creato subito grandi polemiche, e ha spinto la procura del tribunale di Trani ad aprirà un’indagine conoscitiva (senza ipotesi di reato). Intanto arriva la dura risposta del segretario amministrativo di Futuro e Libertà, Nino Lo Presti:
"Maurizio Belpietro non deve preoccuparsi: la credibilità di Libero, il quotidiano da lui diretto, è già perduta da tempo, non c'è bisogno di metterla in discussione. Difatti, l'ultimo suo delirio su un possibile attentato a Gianfranco Fini, a scopo propagandistico, la dice lunga sulle condizioni psichiche di questo giornalista che ha fatto dell'ingiuria e della calunnia il leitmotiv della sua carriera","l'instabilità di Belpietro è ormai un dato acquisito, così come è acclarata la sua totale mancanza di coraggio nell'accettare un confronto con il sottoscritto, che ancora attende soddisfazione dopo essere stato definito insieme agli altri colleghi finiani 'traditore'. Il vero traditore di quella che dovrebbe essere la regina delle professioni intellettuali è proprio lui che ha ridotto il giornalismo ad un suk di pettegolezzi e falsità"
Noi aspettiamo con ansia lo sviluppo della vicenda certi che di Maurizio Belpietro non si può assolutamente dubitare … lui è uno che di finti attentati se ne intende!


Qualche articolo sul Belpietro:




 

Nessun commento:

>